In arrivo dall’ AGENZIA DELLE ENTRATE MOLTE richieste di restituzione dei crediti d’imposta per ricerca e sviluppo

da | 16 Giu 2022 | Artigianato, Fisco, Norme e Leggi, Ricerca e Sviluppo | 0 commenti

COMUNICATO STAMPA

Confartigianato Toscana. Restituzione crediti d’imposta ricerca e sviluppo. Luca Giusti: “Grande preoccupazione per le tante lettere dell’Agenzia delle Entrate. Un incentivo importante vanificato da norme poco chiare”

Firenze, 16 giugno. In questi giorni molte imprese che negli ultimi anni hanno utilizzato il credito d’imposta per le attività di ricerca e sviluppo in compensazione, per versare le imposte o i contributi previdenziali, stanno ricevendo delle lettere da parte dell’Agenzia delle Entrate che invitano a regolarizzare la propria posizione, versando al fisco gli importi utilizzati. 

Il rischio è la revoca di un’agevolazione importante che sostiene la competitività delle imprese perché concessa a fronte di spese in ricerca e sviluppo per favorire l’ innovazione, la realizzazione di prodotti o processi nuovi o il miglioramento di quelli esistenti. 

La disciplina di questa agevolazione ha però subito molte variazioni dopo la sua introduzione e molte imprese si sono accorte in ritardo di avere i requisiti per l’accesso al credito di imposta, quando ormai avevano presentato il bilancio per l’esercizio in cui avevano sostenuto le spese.  Per Luca Giusti, presidente di Confartigianato Toscana: “ C’è grande preoccupazione per le molte lettere che stanno arrivando alle imprese in questi giorni dall’Agenzia delle Entrate in cui si contestano gli investimenti in ricerca e sviluppo effettuati e deficit nelle informazioni di bilancio fornite. Vengono richieste somme importanti, anche centinaia di migliaia di euro, in un’unica soluzione o in tre rate, senza che siano chiare le motivazioni”.  

Prosegue Giusti: “ Non ci sono notizie ad oggi sul numero di imprese totali che hanno beneficiato del credito d’imposta e su quante tra esse abbiano ricevuto le lettere dall’Agenzia delle Entrate con l’invito ad aderire alla sanatoria. Un incentivo automatico importante viene vanificato da norme e comunicazioni poco chiare e dal rischio di dover restituire ingenti somme in tempi ristretti. Occorre tutelare le imprese che in buona fede hanno utilizzato il credito, che comunque dovranno contestare le richieste dell’Agenzia delle Entrate e sostenere quindi ulteriori costi, rischiando però di dover restituire gli importi utilizzati con sanzioni molto elevate”,  conclude il presidente di Confartigianato Imprese Toscana.

Chiara Mercatanti

iLogo ufficio stampa Confartigianato Imprese Toscana

347978005  chiara.mercatanti@gmail.com press@ilogo.it

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.